PQ 2020 dal 25 maggio al 17 luglio al CFP di Gordola – Esami pratici di fine tirocinio apprendisti Muratori AFC e Aiuto muratori CFP

Nonostante le impegnative misure di protezione, gli esami pratici di fine apprendistato dei muratori AFC e degli aiuto muratori CFP si sono svolti in buone condizioni. 

In questo inizio di giugno, al centro didattico per muratori presso il Centro professionale delle professioni nel settore delle costruzioni di Colombier (CPMB) si respira aria di concentrazione. E c’è un motivo: i nove apprendisti muratori del terzo anno stanno svolgendo gli esami per ottenere i loro AFC. Il CPMB ha preso a cuore l’organizzazione della procedura di qualificazione per garantire lo svolgimento dell’esame pratico come se fosse un anno normale, nonostante le misure di protezione messe in atto.

Per il responsabile del centro, Jean-Michel Perret, la sfida era rappresentata soprattutto dal lavoro di preparazione. “All’inizio ci chiedevamo se il centro didattico per muratori svizzeri sarebbe stato adatto per organizzare questi esami o meno. Siamo stati integrati nella procedura nazionale e questo ci ha permesso di presentare un concetto alla Confederazione in tempi record. Grazie all’unità nazionale tra i vari centri didattici per muratori e all’ottima collaborazione con la SSIC, abbiamo ricevuto l’approvazione della SEFRI per l’organizzazione di questi esami pratici.”

A giusta distanza 
Non sorprende che la distanza sociale sia stata una delle sfide principali. Il capo esperto Yves Jakob sostiene: “Siamo stati fortunati perché il CPMB era abbastanza grande da garantire uno spazio di 20 m² per ogni apprendista, soprattutto perché quest’anno il numero di candidati era relativamente basso. Tuttavia, gli esperti hanno lavorato sotto una certa pressione, in quanto dovevano fare in modo che le distanze fossero rispettate mentre i giovani circolavano nella sala, soprattutto gli aiutanti che portavano il materiale ai candidati.” I candidati sono stati naturalmente debitamente istruiti in anticipo sulle misure di protezione. “La loro motivazione è rimasta intatta, soprattutto perché hanno potuto seguire tutti i loro corsi interaziendali prima degli esami, e hanno potuto fare più pratica nella loro azienda di formazione durante queste ultime settimane che sono state così particolari.”

Agenda stravolta 
Per risolvere la delicata equazione tra il rispetto delle misure sanitarie e l’organizzazione di un esame pratico che offrisse agli apprendisti le stesse opportunità e gli stessi requisiti di un altro anno, il CPMB ha dovuto modificare il suo programma anticipando le date degli esami. “Questo ci ha permesso di pulire in seguito completamente la sala e di accogliere nuovamente gli altri apprendisti del CPMB il lunedì successivo, dopo oltre due mesi di pausa”, riferisce con piacere Jean-Michel Perret.

Al centro di formazione per l’edilizia di Sursee, gli esami pratici sono andati molto bene anche per i numerosi apprendisti muratori AFC e aiuto muratori CFP, malgrado l’organizzazione non sia stata facile. “Abbiamo anche dovuto anticipare le date per diversi gruppi di candidati. Inoltre, abbiamo dovuto creare degli spazi per poter organizzare le procedure di qualificazione”, spiega il responsabile Patrik Birrer. “Questo fatto ha avuto anche un impatto finanziario, soprattutto perché alcuni corsi interaziendali hanno dovuto essere interrotti e altri rinviati a causa della pandemia. Certi corsi sono stati quindi rinviati al rientro scolastico.”

Anche per il Ticino, fortemente toccato dal coronavirus, è stata una questione d’onore offrire agli apprendisti la possibilità di mettersi alla prova in un esame pratico. “I giovani sono stati molto contenti e grati di poter concludere la loro formazione con un adeguato esame pratico e dimostrare così tutto il know-how acquisito”, afferma Marco Fässler, responsabile del Centro di formazione professionale CFP di Gordola.

Torna su